Chicco dove c’è un bambino

L’azienda, da sempre, è dove c’è un bambino.
Ma non soltanto per offrire al nostro bimbo prodotti di qualit ed all’avanguardia che possano interagire al meglio al fine di rendere la sua crescita un perfetto iter sempre bene assistito. Perché, e soprattutto, dove c’è un bambino ci possono essere problemi inerenti la mancata serenit e la sicurezza di una famiglia.

Chicco sa, infatti, che una buona relazione tra genitori e figli è la base per la felicità, anche in et adulta. Una felicit che è un diritto anche di tutti quei bambini che, in Italia, vivono situazioni di abbandono o di difficolt familiare. Chicco collabora da più di 10 anni con l’associazione Ai.Bi. Amici dei Bambini, organizzazione umanitaria internazionale che difende i diritti dei minori ed il loro fondamentale diritto alla famiglia.

Prodotti Prima Infanzia Firmati Chicco

Logo Chicco

Ed alla felicità. Il sogno? Dare ad ogni bambino il calore di una vera famiglia in cui crescere. Sono gi più di 80.000 i testimonial del progetto “Chicchi di Felicit per bimbi speciali”, nato dalla collaborazione tra Chicco e Ai.Bi. con l’obiettivo di promuovere le adozioni, oggi più che mai in calo e raccogliere fondi per sostenere le attivit di informazione, formazione ed accompagnamento delle coppie e dei bambini verso un’adozione speciale. E da oggi il Chicco di Felicit diventa bracciale, completo di un tubicino evanescente regolabile, è perfetto indossato da solo o insieme ad altri bracciali, per un effetto davvero glamour e vagamente anni 70. È ormai diventato un charm di tendenza che contraddistingue e unisce tutti “I Fans del Chicco”.

È possibile trovarlo in tutti i Negozi Chicco a fronte di una donazione di soli 3 euro. Oltre alla nuova versione, in alcuni selezionati Negozi Chicco sar possibile acquistare anche i bracciali Chicco di Felicit velvet edition in 10 diversi colori al prezzo speciale di 6 euro. Da tanti anni Chicco e Amici dei Bambini lavorano fianco a fianco per tutelare il diritto di ogni minore ad avere una famiglia: insieme hanno dato vita a 4 Case Famiglia ed a 11 Punti Famiglia sul territorio italiano, promosso studi, convegni e campagne sull’affido familiare, organizzato corsi e formato nuove famiglie. Ancora, però, ci sono bambini per i quali il sogno di una mamma ed un pap è particolarmente difficile da realizzare: sono i cosiddetti “bambini special needs”, piccoli che hanno bisogni speciali perché presentano problemi sanitari o di comportamento, perché hanno più di sette anni oppure sono gruppi numerosi di fratelli. Problemi a volte piccoli, o comunque risolvibili, che rischiano però di compromettere la possibilit di un’adozione.

Il progetto che Chicco e Amici dei Bambini hanno promosso ha dunque l’obiettivo di favorire l’adozione o l’affido del maggior numero possibile di bambini speciali, sostenendo i futuri genitori con corsi di formazione, accompagnamento e consulenze specialistiche prima e dopo l’arrivo del piccolo. Perché la cosa veramente speciale di cui hanno bisogno, è essere amati come figli. Amici dei Bambini è un’Organizzazione Umanitaria Internazionale nata per difendere i diritti dei minori. Dal 1986 l’Associazione, impegnata con l’adozione e la Cooperazione Internazionale, opera in oltre 20 Paesi con i propri volontari per ridare la speranza ed un sorriso ai bambini dell’Africa, dell’America Latina e dell’Europa dell’Est, per garantire ad ogni bambino il suo fondamentale diritto alla famiglia.

Con il Sostegno a Distanza Amici dei Bambini si è presa cura sino ad oggi di 50.000 bambini, assicurando loro la possibilit di restare nel proprio Paese e nella propria famiglia. La mission: Amici dei Bambini lotta quotidianamente per far uscire dagli istituti i bambini dimenticati e ricostruire per ognuno di loro il proprio Progetto di Vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sar pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>