La Quarta Malattia

La quarta malattia resta in incubazione una settimana dal momento del contagio, che avviene entrando in contatto con la saliva o con il muco di chi ne è affetto.

I sintomi iniziali sono quelli di una normale influenza: malessere generale, febbre lieve (sotto i 38°), gola arrossata ed a volte anche presenza di placche, cefalea, inappetenza e sonnolenza. Nel giro di 4-5 giorni la febbre può alzarsi e la gola diventare dolorante, ma certamente compare l’esantema tipico delle malattie infettive tanto frequenti in et pediatrica.

L’esantema della quarta malattia è molto lieve ed interessa soprattutto inguine, glutei e volto: si manifesta in forma di macchioline rosse rilevabili al tatto e molto vicine fra loro, tanto da formare delle chiazze rossastre.
La quarta malattia è provocata da un batterio, lo streptococco beta-emolitico del gruppo A, al contrario di quinta e sesta malattia, causate invece da un virus. La terapia da seguire è di tipo antibiotico per dieci giorni.

La quarta malattia

La quarta malattia

In caso di febbre alta (sopra i 38°) bisogna ricorrere, invece, al paracetamolo. Per la quarta malattia non esiste un vaccino specifico, come per esempio per il morbillo, proprio perché si tratta di una malattia di lieve entità.
L’esantema provocato dalla quarta malattia dura pochi giorni e se ne va da solo.

Tuttavia la quarta malattia può provocare delle complicanze a livello reumatico ed a carico del sistema renale, ma in soggetti gi predisposti, per i quali sar opportuno effettuare un esame delle urine due settimane circa dopo la scomparsa della quarta malattia. È raccomandato, invece, per tutti un tampone faringeo, per accertare che il batterio che provoca la quarta malattia sia stato debellato del tutto.

Trattandosi di una malattia esantematica lieve, non è particolarmente rischiosa se presa in gravidanza, al contrario della rosolia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sar pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>