Il Bambino sta seduto

Bimbo sedutoArriviamo ad una delle conquiste piu grandi del bambino in fatto di movimenti, cioè di padronanza del suo corpo:Il saper restare seduto.
Non da solo beninteso e non senza qualche appoggi,ma questo non importa, se gli si prepara un suo trono con dei cuscini, o se lo si mette in un’adatto seggiolone o seggiolino o ancora se lo si tiene opportunamente in braccio il bambino di circa tre mesi, se ne sta maestosamente seduto, approfittando non solo del maggiore dominio di quei muscoli che gli consentano di tenere il capo eretto di girarlo attorno, ma anche della migliore organizzazzione della muscolatura del tronco, che gli permette questo nuovo equilibrio, questa nuova posizione da dominatore.

E infatti quando lo si pone nella condizione di stare seduto sembra davvero che egli avverta la gioia del dominare.
Di dominare un mondo che prima egli poteva guardare solo verticalmente dal sotto in su.
La sua soddisfazione può in certo qualmodo essere paragonata a quella dell’atleta che, grazie alla concquista di una particolare abilita’ e forza, è in grado di superare certe limitazioni fisiche che fino a quel momento rappresentabano per lui un confine invalicabile, una barriera.

Quando il bimbo è distesi egli spesso si annoia, subisce un complesso di sensazioni che ormai conosce, per cosi dire, fin dalla nascina.
Ma se dalla posizione distesa lo si rialza e lo si mette a sedere ecco che tutte le sue esperienza prendono una nuova colorazione e questo lo soddisfa in modo evidente, il suo respiro diventa piu veloce e profondo, il battito del suo cuore diventa piu forte, il suo sguardo brilla e i suoi occhi si dilatano.
Egli comincia a sentire sia pur confusamente, l’inebriante contentezza di poter governare il proprio corpo secondo il proprio piacere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>