Bambini e animali domestici: come comportarci ?

Sappiamo da sempre che bambini e animali domestici possono tranquillamente coesistere sotto lo stesso tetto.
La maggior parte di noi ha meravigliosi ricordi della propria infanzia trascorsa con un animale da compagnia.
Ma proprio come bambini ed animali riescono a stare in compagnia, possono anche sentirsi minacciati dall’arrivo di un nuovo membro della famiglia. Pertanto, prima che il nuovo arrivato faccia la sua comparsa, è meglio preparare la famiglia spiegando cosa cambierà e cosa resterà immutato (il tuo affetto), stabilire regole e limiti e sorvegliare qualsiasi interazione.

Bambini e Animali Domestici

Bambini e Animali Domestici

Un neonato porta con sé un nuovo mondo, nuovi suoni e nuovi odori.
L’attenzione di tutti è concentrata su di lui.
Tutto questo può essere vissuto come una minaccia dal tuo cane o dal tuo gatto.
Pianificando tutto in anticipo, è possibile rendere l’arrivo di un neonato un evento molto meno stressante per te e per il tuo animale domestico.

Incomincia presentandogli gli odori, come il borotalco o la lozione per bebè, prima che il bimbo arrivi. Puoi farlo usando questi prodotti su te stesso o su una bambola.

Dopo aver allestito la cameretta del bambino, permettigli di ispezionarla in tutta tranquillità. Installa uno di quei cancelletti di sicurezza per bambini oppure chiudi la porta quando non sei nei paraggi, onde evitare che il tuo quattro zampe abbia libero accesso nella stanza. In questo modo stabilirai dei confini prima dell’arrivo del neonato.

Una volta nato il bambino, un membro della famiglia o un parente conosciuto dall’animale porterà a casa un suo indumento o una copertina, in modo che possa annusarli.
L’arrivo a casa dovrà avvenire in modo tranquillo. Dare immediatamente una festa o invitare degli amici non farà che renderlo più irrequieto ed eccitabile. È consigliabile che sia il padre o un parente conosciuto a tenere in braccio il neonato, in modo che la mamma possa dedicargli delle attenzioni.

Solo dopo che si sarà tranquillizzato dovresti provare a presentare il nuovo arrivato.
Anche quando il rapporto sembra procedere nel migliore dei modi, non lasciare mai il bambino e il quattro zampe insieme da soli. I primi anni del bambino sono i più difficili in termini di rapporto animale-bambino. Un bimbo di questa età infatti, seppure in grado di interagire con un cane o un gatto, non è abbastanza grande da trattarlo in modo responsabile. I bruschi movimenti del bambino e il tono acuto della sua voce potrebbero mettere in agitazione o turbare eccessivamente il cane o il gatto; è quindi importante continuare a sorvegliare attentamente qualsiasi interazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>