Ahimè continuano le stragi di bambini in auto

Il titolo del post di oggi è davvero forte perchè coinvolge i bambini che sono la cosa più importante di ogni famiglia.
Nonni, genitori, zii, fratelli maggiori, tutti quanti noi riconosciamo nei nostri più piccoli familiari un tesoro da proteggere e crescere nei miglior modo possibile, sebbene guardando alla sicurezza stradale proprio non si direbbe.

L’idea di scrivere questo post nasce dopo aver letto l’articolo dal titolo: Bimbi in auto, una strage Aiutateci a dire basta, pubblicato la scorsa settimana sul sito quotidiano.net.
Pare che ci sono moltissimi bambini che viaggiano ancora senza essere assicurati ai seggiolini come prevede il Codice, o alle cinture dei sedili posteriori, quando sono un po’ più grandicelli.

Immagine dal sito sicurauto.it

Immagine dal sito sicurauto.it

L’autore dell’articolo, Lorenzo Sani, ha scritto che:

tanti bimbi addirittura, viaggiano su quello anteriore, magari in braccio a mamma o papà, probabilmente convinti che il piccolo sia più sicuro (quando la fuoriuscita dell’airbag potrebbe addirittura rivelarsi letale). L’ignoranza è ancora molto diffusa. Troppo. Da una ricerca dell’Aci, nell’ambito della campagna nazionale TrasportACI sicuri, finalizzata alla sensibilizzazione dei genitori sull’importanza dei dispositivi per il trasporto dei figli, il 62.2% dei bambini viaggia in auto senza un seggiolino, mentre l’88% degli adulti indossa regolarmente le cinture di sicurezza.

Un paradosso spaventoso. Oltre 10mila bambini all’anno — l’equivalente di 30 al giorno — sono convolti in incidenti stradali; il mancato utilizzo del seggiolino e delle cinture aumenta di sette volte il rischio di gravi conseguenze in caso di sinistro. Secondo l’Oms, se correttamente installati ed utilizzati, i sistemi di ritenuta dei bambini possono ridurre del 70% la probabilità di decesso e dell’ 80% il rischio di lesioni gravi.

Nido di Grazia lancia questo messaggio per sensibilizzare i genitori e per invitarli, senza alcun obbligo d’acquisto a visitare il nostro punto vendita di Busto Arsizio per visionare i più moderni e sicuri seggiolini per auto, come il Izi Combi.

One thought on “Ahimè continuano le stragi di bambini in auto

  1. andrea

    E’ pazzesco viaggiare in autostrada per lavoro e vedere dei bimbi che “scorazzano” tranquillamente sui sedili posteriori delle auto in piedi, a volte nei bagagliai dei suv come se fosse un gioco……….a nessuno deve essere concesso giocare con la morte……metteci coscienza per la miseria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>