Torre Montessori – Tutto quello che c’è da sapere

Anche tu hai sentito parlare della “torre di apprendimento montessoriana”? Vorresti capire quale acquistare o semplicemente hai delle curiosità a riguardo? In che modo questo strumento può aiutare il bambino a sviluppare la sua indipendenza, garantendone la massima sicurezza mentre imita gli adulti?

In questo articolo cercheremo di rispondere alle domande che potrebbero sorgerti, dandoti qualche informazione utile sul prodotto ed evidenziandone le varie caratteristiche.

Perché comprare la torre di apprendimento montessoriana?

Per incentivare il bambino nell’apprendimento di alcune piccole faccende domestiche. È proprio uno dei principi base del metodo Montessori quello di insegnare al bambino a fare il più possibile da solo, come se si trattasse di un primo assaggio di indipendenza. Il rialzo diventa fondamentale per trovarsi all’altezza giusta, con lo scopo di imitare i genitori, magari nelle piccole azioni che si svolgono in cucina. Inoltre, il bambino potrà sviluppare più facilmente diverse capacità come quelle cognitive, come la manualità e la motricità fine. Si tratta di un’importante opportunità di crescita, dove uno strumento fatto su misura per lui facilità l’insegnamento da parte dei genitori.

Quanto costa?

La torre di apprendimento montessoriana è un prodotto diventato molto popolare negli Stati Uniti, in Canada e in Australia e che, con il passare del tempo, sta riscuotendo sempre più successo anche in territorio europeo. Il prezzo è decisamente variabile, almeno per ora. Ci sono diverse caratteristiche che incidono sul prezzo, come il materiale con il quale è realizzata, le rifiniture che la rendono più pregiata e alcuni accessori che ne ampliano le funzionalità. Vi sono modelli più basilari, ad un prezzo accessibile, e altri che non possono essere definiti semplicemente “scalette in legno”, con un costo più elevato. Si può dire, per praticità, che la spesa è molto simile a quella destinata ad un seggiolone in legno.

Per quale fascia di età è consigliata?

In linea generale, la torre di apprendimento si può usare dai 18 mesi in su. Occorre però differenziare le fasce d’età in base a ciò che apprende il bambino utilizzando uno strumento di questo tipo.

Dai 18 mesi ai 2 anni, per il bambino sarà fondamentale mettersi alla prova dal punto di vista fisico, come se si trattasse di una sfida successiva ai primi passi e all’esplorazione dei luoghi. In questo caso potrà imitare i movimenti degli adulti e le attività da loro svolte.

Dai 2 ai 3 anni, la torre di apprendimento aiuta il bambino a dimostrare la propria indipendenza e sarà importante che i genitori stimolino la volontà dei figli, con la conseguente crescita dell’autostima del piccolo.

Nella fase successiva, dai 3 ai 5 anni, subentra la consapevolezza. I piccoli si sentono seriamente in grado di svolgere determinate attività, con una certa dose di cura del dettaglio. Ne sono consapevoli e vogliono dimostrarlo, dopo aver imparato una serie di movimenti abbinati ad una capacità di concentrazione e creatività di un certo tipi nella risoluzione dei piccoli problemi.

Dai 5 anni in su, il processo di maturazione permette loro di affrontare le situazioni con spirito di iniziativa ed entusiasmo. Questo grado di consapevolezza li spinge a non voler alcun tipo di aiuto o incentivo, in cui subentra la ricerca della soluzione studiata e partorita dalla loro fantasia. E non si accontentano di farlo singolarmente, ma diventa anche un modo di fare aggregazione.

Sostituisce il seggiolone?

La torre di apprendimento non sostituisce il seggiolone in tutto e per tutto, ma di certo può essere utilizzata in modo efficace come sedia alta, dai 3 anni in su. Questa è una delle tante funzionalità di cui il prodotto dispone.

Quanto ingombra? Ci starà nella mia cucina?

In base allo spazio a disposizione sarà opportuno orientare la propria scelta. Una variabile è, senza dubbio, la prospettiva di utilizzo che ci si attende: alcuni modelli sono più ingombranti per poter essere usati anche fino ai 6 anni, mentre altri modelli riducono le dimensioni ma allo stesso tempo anche la possibilità di utilizzo superata la soglia dei 3 anni.

Le dimensioni della torre di apprendimento non sono eccessive. Tuttavia, non essendo un prodotto “richiudibile”, risulta opportuno trovare uno spazio da dedicare alla sua sistemazione nel momento in cui non viene utilizzata. L’altezza della piattaforma è regolabile senza l’utilizzo di attrezzi e può arrivare fino a circa 125/130 cm. Non si può calcolare con esattezza il volume occupato dalla torre di apprendimento in modo generico, perché bisognerebbe passare in rassegna i vari modelli e capire quale di questi occupa lo spazio adatto al luogo in cui deve essere utilizzata.

Mio figlio può farsi male?

Ovviamente, questo oggetto è progettato per consentire al piccolo di sentirsi “più grande”, ma senza che ciò comporti un rischio per la sua incolumità. La struttura, dotata di una ringhiera in legno volta proprio a non compromettere la sua sicurezza, è studiata per trasmettergli la sensazione di indipendenza senza doversi preoccupare di un’eventuale caduta al suolo. Il materiale con la quale è costruita non deve essere pesante, perché l’idea di base è quella di permettergli di spostarla da solo per posizionarla nel modo migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.