Seggiolone Tripp Trapp Stokke – Compie 40 anni

1972-2012… quarant’anni di successi per un accessorio divenuto un must nel mondo dell’infanzia ma non solo. Infatti fu proprio nel 1972 quando il designer Peter Opsvik progettò il seggiolone Tripp Trapp per suo figlio Tor. Oggi, 40 anni dopo, il design di Tripp Trapp è sempre il medesimo e continua ad essere un’icona nel mondo del design.

Per celebrare questi 40 anni, Stokke è lieta di presentare un’edizione speciale di Tripp Trapp che sarà disponibile solo nel 2012 e per un breve periodo di tempo. È firmata da Peter Opsvik, fabbricata in faggio con finitura ad olio come la prima edizione del 1972 ed ha il tocco contemporaneo ed esclusivo dato dalla finitura cromata spazzolata delle parti metalliche.

Il seggiolone Tripp Trapp non ha mai avuto bisogno di migliorie. Quando fu lanciato, segnò una vera e propria svolta. Nessuno aveva mai visto nulla del genere. Allora era un prodotto rivoluzionario, ma anche oggi, quasi 40 anni più tardi, Tripp Trapp non ha rivali. È l’unico seggiolone che può essere utilizzato dalla prima infanzia fino all’età adulta e che garantisce al contempo sicurezza e comfort.

Che cosa si può fare quando, da seduti, non si riescono ad appoggiare i piedi a terra e quindi non si riesce a cambiare posizione come si vorrebbe? Non è possibile abbassare il sedile perché altrimenti non si riescono ad appoggiare i gomiti sul tavolo. Allora perché non sollevare “il pavimento” all’altezza dei propri piedi? È proprio quanto fa Tripp Trapp: grazie ad un poggia-piedi che funge da stabile supporto, il bambino può sedere alla giusta altezza, con i gomiti al medesimo livello del tavolo e con il massimo comfort e sicurezza.

Tripp Trapp By Stokke

Seggiolone Tripp Trapp

Esiste poi il problema della parte superiore del corpo che non è sostenuta perché lo schienale del seggiolone è troppo lontano. Chi ha progettato Tripp Trapp ha trovato una soluzione anche a questo: il sedile può essere regolato in profondità, e quindi non ha più importanza se il bambino è piccolo o grande: i suoi piedi e la sua schiena hanno tutto il supporto di cui hanno bisogno. La sedia non solo cresce con il bambino, ma si adegua alle sue personali esigenze, consentendogli di sedere in modo ergonomico, comodo e naturale.

La vita di oggi è frenetica e anche voi, come tutti, siete molto indaffarati. Si corre sempre, e sono rari i momenti in cui si è tutti insieme. Ecco perché i pasti ed i momenti trascorsi intorno al tavolo sono più importanti che mai. Tripp Trapp è una sedia geniale, studiata per favorire l’interazione del bambino con i suoi familiari durante i momenti in cui si è a tavola ed i momenti di apprendimento. È una sedia che cresce con il bambino, e quindi può essere utilizzata fino all’età adulta. Il suo design intelligente ed ergonomico consente una grande libertà di movimento ed incoraggia il gioco e l’indipendenza, pur garantendo la massima sicurezza.

Il seggiolone Tripp Trapp cresce con il bambino, che può quindi mangiare, giocare ed interagire sempre alla giusta altezza, grazie al poggiapiedi che gli permette di appoggiare i piedi a qualsiasi età. Ci sono tuttavia alcune cose da tener presente. Quando il bambino è molto piccolo, il seggiolone va utilizzato in maniera limitata, anche se si tratta di un seggiolone dal design ergonomico come Tripp Trapp. Naturalmente, quando sarà più grande, il bambino potrà decidere quando stare seduto e quando scendere e camminare, ma nelle prime fasi di vita, ovvero fin quando non è in grado di stare seduto da solo – di solito intorno ai 6-9 mesi – è meglio che giochi su un pavimento pulito, su un materassino o addirittura nel box. Anche quando riuscirà a stare seduto autonomamente è preferibile che non rimanga sul seggiolone per più di 10-15 minuti alla volta, ovvero un periodo sufficiente per mangiare, ma non per dormire.

La spina dorsale e la struttura muscolare del bambino si trovano in una fase delicata del loro sviluppo, per cui è necessario che abbiano un supporto. Grazie alla straordinaria regolabilità del seggiolone Tripp Trapp, vostro figlio potrà sedersi con i gomiti all’altezza del tavolo ed avere i piedi appoggiati sul poggiapiedi. Inoltre disporrà di spazio sufficiente tra i suoi polpacci e il sedile.

Il poggiapiedi si colloca dopo aver verificato che le gambe del bimbo, da seduto, siano piegate a 90°, e che la coscia appoggi per 3/4 della lunghezza sul sedile, in modo che ci siano due dita di spazio tra i polpacci e il sedile stesso, per garantire un´adeguata circolazione. Venite a conoscere il seggiolone Tripp Trapp e tutti i suoi accessori nel nostro punto vendita!

Fate anche voi gli auguri a Stokke il vostro miglior alleato in fatto di seggioloni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>