Trascorrere il Natale in famiglia. 5 consigli per genitori

 

Dolci, decorazioni e tavola di Natale.

Come ogni anno arrivano le tanto agognate vacanze di Natale, croce e delizia di tutti noi. Se le feste portano infatti tanta gioia, regali, la visita dei parenti lontani, le ferie dal lavoro e momenti di svago, bisogna anche ammettere che lo stress sia in agguato dietro l’angolo. Soprattutto per chi ha famiglia come te, caro amico genitore.

Lo sappiamo bene. Quando si diventa mamma o papà, il Natale si vive in maniera ancora più intensa, in maniera diversa. Le gioie legate alla festività sono amplificate, così come sono maggiori i doveri e gli impegni.

Pensiamo ad esempio alla questione Babbo Natale. A Novembre inizi a parlare di Santa Claus a tuo figlio affinché viva la sua leggenda come un qualcosa di misterioso e magico. Lo rassicuri nei suoi primi anni di vita quando ancora ha paura di quell’omone con la barba vestito di rosso. Poi inizia la caccia al regalo perfetto per il tuo bambino. Lo cerchi nei negozi specializzati, su internet, lo compri o lo ordini in anticipo, affinché non finiscano le scorte e, ovviamente, lo nascondi bene in casa, in modo che la leggenda di Babbo Natale continui a vivere nei secoli e nelle generazioni. E poi devi convincere tuo figlio ad aspettare il 25 Dicembre. Cosa non facile, dato che freme per ricevere il giocattolo tanto desiderato.

E che dire della questione parenti? Quando hai un figlio, nonni, zii ed amici vogliono vederlo, trascorrere del tempo con lui e fargli un bel regalo. Ecco perché contatteranno proprio te per conoscere i suoi gusti, le sue preferenze e sapere se desidera in qualcosa in particolare. Whatsapp esplode di messaggi e richieste di aiuto. E tu sei lì, a cercare di rispondere a tutti per dare informazioni, gestire la questione “regali”, in modo che il tuo bambino non riceva i temutissimi “regali doppione”. Ed infine ci sono i turni. Stiamo parlando di quelli da pianificare per le visite ai nonni ed agli altri parenti. Natale in famiglia con i genitori, Capodanno con i suoceri, serata con gli amici e così via. C’è talmente tanto da fare che, dopo le feste natalizie, tornare alla vita di tutti i giorni, dobbiamo ammetterlo, sembra quasi un miraggio.

Famiglia durante le feste di Natale.

5 consigli per trascorrere le vacanze di Natale serenamente

Il natale è la festa dei bambini e della famiglia, ma come abbiamo già accennato, per un genitore il sovraffaticamento e le tensioni sono in agguato per via degli impegni che le feste natalizie portano (altro che relax da vacanza). Ed ecco qualche consiglio per te, mamma o papà, che sei alle prese con uno dei tuoi primi “Natale” come genitore. Perché uscirne vivo, si può. Ecco come.

Le ferie sono sacre

Innanzitutto agli affari, alle scadenze, ai rapporti con i fornitori, si pensa al ritorno dalle vacanze. Ora il tuo datore è la famiglia. Rispondi solo a lei ed alle sue esigenze. Goditi questo momento. Tuo figlio aspetta per tutto l’anno questi giorni in cui sarai tutto per lui. In cui ti vedrà al mattino, farete colazione insieme, giocherete nel pomeriggio e vi concederete più coccole durante la sera. Non sprecare questi pochi giorni con pensieri legati ai problemi di lavoro. Rimanda tutto e vivi a pieno le feste con il tuo bambino che, come sai, cresce in fretta. È proprio questa, l’infanzia, la fase della sua vita nella quale ha bisogno di sentirti presente e vicino.

Meno notifiche, più relax

Lo smartphone ci connette a diverse realtà in poco tempo, ma tra Facebook, altri social network, app e casella di posta elettronica, quante notifiche riceviamo al giorno? Forse non ci hai mai pensato, ma sono fonte di stress. Durante le feste natalizie, ascolta il nostro consiglio, disattiva per qualche giorno le notifiche sul tuo cellulare e spegni, di tanto in tanto, per qualche ora, il tuo telefono. Avrai più tempo per ascoltare tuo figlio, spingerlo sull’altalena, goderti una sua partita di calcetto, giocare con lui a nascondino. Vivi il tuo Natale in famiglia senza l’ansia del bi-bip.

Vacanze di Natale con la famiglia

Durante le Feste natalizie hai l’occasione di mettere al primo posto proprio la tua famiglia. Ti consigliamo di farlo. Ogni giorni lavori, sbrighi faccende e risolvi piccoli problemi quotidiani. E lo fai perché il tuo compagno/a, moglie, marito, i tuoi figli, siano felici. Ma quante volte all’anno hai la possibilità di dedicare proprio a loro del tempo? Una piccola vacanza, lontano da casa, in un posto nuovo, solo con i membri del tuo nucleo famigliare, può rigenerarti. Non hai neanche idea di quanto questo possa aiutarti a trovare pace e serenità nel rapporto di coppia e rafforzare il legame tra te e tuo figlio.

Sereno tu, sereno chi ti sta intorno

E veniamo alla parte che stavi aspettando. Veniamo a te. Tu che sei la mamma, la colonna portante della tua famiglia. Tu che sei il papà, punto di riferimento per i tuoi bambini. Tu, lo concedi mai un po’ di tempo solo a te stesso? Le feste natalizie di permettono anche questo. Non dimenticarti di preservare qualche ora di queste feste natalizie per i tuoi hobbies e tue passioni. Leggi, cucina, disegna, gioca a calcetto. Ritrovare la tua serenità, lontano dalle fatiche del lavoro quotidiano, farà bene a te e a chi ti sta intorno, che potrà godere della tua calma e tranquillità ritrovata.

Dosa le cene delle Feste natalizie

Le cene delle feste sono momenti da condividere con amici e parenti. Serate per ritrovarsi, giocare a tombola e a carte, nonché mangiare ottimi piatti che, durante il resto dell’anno, con gli impegni quotidiani, non si ha il tempo di preparare. Il segreto però è dosare questi appuntamenti serali che, altrimenti possono portarti a stanchezza eccessiva.

Insomma, parola d’ordine: relax. E se riuscirai a trascorrere le vacanze di Natale con la tua famiglia, in modo sano ed equilibrato, sicuramente avrai raggiunto il tuo obiettivo. Con questo Vademecum del genitore rilassato durante le feste di Natale, ti auguriamo Buone Feste con la tua famiglia!

Zia Cin

Chi sono Cinzia Margarito

Copy webwriter, Blogger e Social Media Manager, ma prima di tutto, on e off line, Zia per vocazione. Scrivo con la radio accesa, parlo troppo, riciclo e creo, talmente tanto, da non riuscire a seguire neanche una ricetta. Abito la Rete, ma vivo ancora dove il prato macchia i jeans.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>