Obiettivo vasino. Come togliere il pannolino al bambino

Bambino con vasini.

Togliere il pannolino al bambino è una vera impresa. Ecco i consigli utili a raggiungere l’obiettivo vasino con successo.

Togliere il pannolino ai bambini

Conseguire il diploma, una laurea in matematica, mettere d’accordo due suocere. Togliere il pannolino al tuo bambino, ti avvisiamo, sar un’ardua impresa, al pari del raggiungimento di uno di questi traguardi appena nominati. Ma non siamo qui per terrorizzarti, anzi. L’intento è quello di darti consigli utili e pareri, perché, come avrai gi sentito dire dai tuoi amici genitori, l’obiettivo vasino si porta a casa con tantissima tolleranza e forza di volont. Ogni caso ed ogni storia è diversa, così come diversi sono i caratteri ed i vissuti dei piccoli. Ecco perché non c’è da scoraggiarsi ancor prima di iniziare. Ce lo conferma anche Chiara, una nostra affezionata cliente. “La mia piccola Bianca è stata bravissima a togliere il pannolino. Quando si è sentita pronta, è stata lei a farmi capire che voleva imitare noi grandi ed utilizzare il water per i suoi bisognini. Io non ho dovuto fare altro che regalarle un bel vasino e farle tanti complimenti per essere diventata grande!”.

Come ci dimostra l’esperienza di Chiara, alcuni bambini vedono il passaggio dal pannolino al vasino come qualcosa di naturale. Per altri bimbi, invece, affezionati alla comodit del pannolino, c’è da armarsi di astuzia e pazienza. Ma quale genitore non è gi dotato di queste due qualità, dico bene? Niente di nuovo, dunque. Basta solo affinare giusto un tantino la tecnica.

Bambino sul vasino e tanti tipi di vasini.

Obiettivo vasino: gli espedienti

Eccoci qui, al cuore di questo post, dove tra poco leggerai dei consigli utili.

Ognuno con i suoi tempi, prima o poi, fa il grande passo, quello di abbandonare il pannolino per abbracciare la via del vasino. E ne giova davvero tutta la famiglia! Il piccolo non piange più perché infastidito dalla cute umida che in genere presenta quando si bagna nel pannolino. E che dire dell’indipendenza acquisita?

I pediatri consigliano alle mamme di togliere il pannolino intorno ai 18 mesi di et, mese più, mese meno. Ma quali saranno gli espedienti per arrivare all’obiettivo vasino?

Il gioco del vasino

I bambini, si sa, amano i giochi e proprio questi ultimi, in tutte le fasi dell’infanzia, possono costituire un metodo valido di crescita e apprendimento. Il gioco del vasino può essere un modo per far impegnare il piccolo in prima persona nell’impresa. Quando i bambini vengono coinvolti nelle decisioni, infatti, sentono di essere importanti per il genitore e di buon grado compiono le azioni loro richieste. Quindi dai fiducia a tuo figlio! Spiegagli che da oggi si fa un bellissimo gioco e si vince una ricompensa se si utilizza con regolarit il vasino, salutando per sempre l’amico pannolino. Il premio? Il peluche tanto desiderato potrebbe essere un’idea!

Diventare grandi

Anche nel mondo animale, il primo metodo di apprendimento è quello dell’ imitazione degli adulti. La voglia di diventare grandi, infatti, è sempre presente nei bambini. L’infante vuole essere preso sul serio, decidere da sé. La forte voglia di indipendenza lo spinge a desiderare con tutte le forze di dimostrare di poter essere all’ altezza delle situazioni. Perché non sfruttare questo sentimento per incoraggiare il piccolo a togliere il pannolino?

Il vasino giusto

Anche il vasino far la sua parte. Meglio acquistarne uno adeguato.

In commercio ce ne sono di tantissime tipologie e anche all’interno del nostro negozio, la scelta è varia.

C’è chi preferisce il classico ma sempre utilissimo vasino anatomico, come quello di Ok Baby. Ergonomico, è progettato per consentire al bambino di sedere sempre con la schiena in posizione corretta e acquistabile in tanti colori differenti.

Qualche bimbo potrebbe essere invogliato con il vasino Ok Baby Scooter, che come una moto dei grandi, è dotato di faro sonoro e consente al bambino di reggersi alle manopole in gomma morbida. Simpatico ed accattivante!

Per chi invece segue le avventure del simpatico trenino dei cartoni, può essere una vera gioia utilizzare il vasino di Thomas 3 in 1 Fisher Price Baby Gear. Nella forma richiama il water dei grandi, ogni successo del bambino viene festeggiato con allegre melodie ed il vasino cresce con lui. Quando il bambino sar pronto ad utilizzare il water degli adulti, l’anello del vasino Fisher Price può essere utilizzato come riduttore.

Infine, quando il processo di transizione è iniziato, meglio non interromperlo ed utilizzare un vasino da viaggio, come quello Nuvita. Facile da trasportare e pulire è anche adatto all’utilizzo in casa. Inoltre è compatto e l’altezza si può comodamente regolare. Vacanze salve genitori!

Un passaggio graduale

Ed ora che abbiamo parlato di come rendere ogni bisognino una vera e propria festa, grazie alla scelta del vasino giusto, è bene precisare che, nei primi periodi, il pannolino non sparir del tutto. Per salvaguardare lenzuola e divani è meglio, in una prima fase di distacco, consentire al bambino di tenere il pannolino durante la notte ed i riposini pomeridiani, per poi abbandonarlo del tutto, man mano che si acquisisce un autocontrollo e arriva l’abitudine.

Il vasino è suo amico

Come convincerlo che il vasino è suo amico? Sicuramente il primo passo è quello di acquistarne uno dai colori vivaci, simile ad un gioco e privo di teste di animali che potrebbero spaventarlo. Anche se il bambino si dimostra coraggioso, tuttavia, è bene sempre che sia accompagnato, nei momenti dei bisogni, da un adulto. Mamma o pap lo rassicureranno per abituarlo al passaggio graduale da pannolino a vasino.

Mai tornare indietro

In questa delicatissima fase il genitore deve essere assolutamente fermo. Se il bambino è riuscito a togliere il pannolino durante il giorno, per nessuna ragione dovr più indossarlo. Il rischio è quello di aver fatto tanta fatica per niente. Ovviamente per la mamma e il pap è un momento di grande sacrificio, fatto di corse al bagno più vicino, di borse piene di ricambi e di pulizie extra per la pipì non trattenuta in tempo. Ma quando l’obiettivo si raggiunge, credeteci, ne sar valsa la pena.

In bocca al lupo a tutti voi amici genitori! Aspettiamo le vostre esperienze ed i vostri suggerimenti!

Zia Cin

Chi sono Cinzia Margarito

Copy webwriter, Blogger e Social Media Manager, ma prima di tutto, on e off line, Zia per vocazione.
Scrivo con la radio accesa, parlo troppo, riciclo e creo, talmente tanto, da non riuscire a seguire neanche una ricetta. Abito la Rete, ma vivo ancora dove il prato macchia i jeans.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sar pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>