Sterilizzatore per il biberon: elettrico o a microonde?

Sterilizzatori per biberon.

Sei genitore da poco e hai bisogno di un alleato? Lo troverai nello sterilizzatore, uno strumento indispensabile per l’igiene degli oggetti che vengono a contatto con il tuo bambino. Oggi ti spieghiamo le tipologie in commercio e le differenze tra di esse.

Perché uno sterilizzatore

Sei ancora qui a chiederti perché e a che cosa serve uno sterilizzatore? Non vorrai utilizzare i vecchi metodi della nonna, come la pentolona di acqua bollente?! L’igiene di biberon, succhiotti, tettarelle, giochini ed ogni altro oggetto possa venire in contatto con il tuo bambino è molto importante. Inutile, quindi, affidarsi a procedure antiquate e poco incisive che non risolvono il problema dei germi e dei batteri in agguato. Come sai benissimo, il tuo piccolino è ancora fragile e va protetto. E allora, perché non utilizzare i metodi, precisi ed efficaci, che la tecnologia moderna ci mette a disposizione?

Stiamo parlando degli sterilizzatori di ultima generazione, indispensabili perché puliscono e disinfettano perfettamente ogni superficie, anche quella che verrà in contatto con la bocca del tuo bambino, più per il fastidio che sente alle gengive, che per vera fame. Per fortuna oggi, eliminare definitivamente i batteri dagli oggetti di uso comune del bambino e proteggere il neonato dalle infezioni, è molto più semplice di qualche tempo fa ed è anche più veloce. L’innovazione ci ha fornito delle soluzioni sicure ed efficienti che ci permettono di garantire l’igiene del neonato ogni giorno.

Come scegliere lo sterilizzatore per biberon

Innanzitutto dobbiamo specificare che la sterilizzazione può essere effettuata a freddo o a caldo. Dipende tutto dalle vostre necessità ed esigenze giornaliere.

Per quanto riguarda la sterilizzazione a caldo, i metodi innovativi sono due:

  • Con sterilizzatore a microonde
  • Con sterilizzatore elettrico

Lo sterilizzatore a microonde

La sterilizzazione eseguita con microonde è sicura ed efficace perché, la forza del calore è tale che sugli oggetti non rimangono né batteri, né tanto meno residui oppure odori.
E’ comoda perché presuppone unicamente che tu sia munito di un elettrodomestico, il forno a microonde, che usi giornalmente, quindi niente di difficile. Inoltre, non serve acquistare liquidi speciali, serve solo acqua! Quindi, dopo che avrai lavato gli oggetti da disinfettare, basterà riempire lo sterilizzatore di acqua (secondo le dosi indicate dalle istruzioni), inserirlo nel forno a microonde ed aspettare pochi minuti per un risultato a prova di germi.
Ovviamente, dopo tanti utilizzi, è possibile che le tettarelle o i ciucci realizzati in materiali come il caucciù, possano deformarsi. Questo tuttavia accadrebbe anche utilizzando altri metodi, quindi il consiglio che sentiamo di darti è: meglio un’igiene accurata che ti costringe a cambiare ciucci ogni due mesi circa che il dubbio che questi oggetti siano ancora sporchi e pericolosi.

Lo sterilizzatore elettrico

Gli sterilizzatori elettrici sono degli elettrodomestici che permettono di disinfettare gli oggetti del neonato utilizzando appunto una semplice presa elettrica. Quindi, se hai una cena a casa di amici o parenti, porta pure il tuo sterilizzatore con te! In fase di acquisto potrai scegliere la dimensione desiderata e la capienza desiderata. Alcuni possono contenere solo un oggetto alla volta, altri invece ne disinfettano contemporaneamente di più. In circa 15 minuti l’operazione è conclusa ed automatica, tanto che l’apparecchio si spegne da solo quando ha terminato.

La sterilizzazione dei biberon può essere effettuata anche a freddo. Questo tipo di pulizia si effettua soprattutto in casi di necessità ed emergenza, cioè quando si è fuori di casa per molte ore e non c’è altro modo. In questi casi è possibile igienizzare gli oggetti del neonato con liquidi o compresse che, aggiunte all’acqua, la rendono adatta per distruggere tutti i batteri che hanno contaminato ciò che il bimbo vuole toccare. Lo sterilizzatore a freddo quindi, altro non è che un contenitore ideato appositamente per svolgere questa funzione, che rende gli oggetti asettici in un tempo stimato tra la mezzora e l’ora e mezza.

Sterilizzatori per neonati.

Quale sterilizzatore scegliere

Ora che conosci i vantaggi e gli svantaggi dell’uno e dell’altro metodo di sterilizzazione a caldo, possiamo consigliarti alcuni modelli di ottima qualità che potrebbero andare bene per le tue esigenze.
Tra quelli a microonde potresti trovare comodo lo sterilizzatore di Avent Philips che fornito di pinza, è ideale per igienizzare solo un oggetto alla volta in pochissimi minuti.
Chicco steril naturale maxi, invece, sterilizza fino a 5 oggetti, tra cui biberon, succhietti, tettarelle, in modo rapido e naturale. E in omaggio nella confezione vi è anche un biberon!
Il coperchio dello sterilizzatore Mam invece è stato progettato per essere utilizzato anche come un piano d’appoggio per il drenaggio dell’acqua. Con questa soluzione è possibile disinfettare fino a 6 biberon in un recipiente dalle piccole dimensioni che però presenta una capienza inaspettata.
Con microwaves di Mebby, ancora, gli oggetti del neonato diventano asettici in 8 minuti e quanta praticità! Il coperchio presenta 2 valvole di sfogo per eliminare il vapore residuo, le clip laterali assicurano una perfetta chiusura, non si scaldano e permettono quindi  di afferrare maneggiare lo sterilizzatore senza scottarsi.
Infine, lo sterilizzatore Tomee tippee include un succhietto, un biberon e una pinza. A seconda della potenza del forno a microonde all’interno del quale s’inserisce, agisce in 4 oppure 8 minuti ed è comodo e sicuro.

Tra gli sterilizzatori elettrici invece, ti consigliamo lo sterilizzatore per biberon Avent Philips ideato per un oggetto e realizzato in polipropene. Ideale per tutta la famiglia per la sua praticità e compattezza, Chicco step up family, invece, è compatibile con tutti i biberon Chicco. Ancora, lo sterilizzatore a vapore Mebby è sicuro ed emette un suono 8 volte quando ha terminato di igienizzare.
Lo sterilizzatore Tommee Tippee Closer To Nature, pulisce dai batteri in 5 minuti e l’effetto dura 24 ore. Comprende un biberon, una pinza e un succhietto.
Lo sterilizzatore Nuvita, invece, funziona a raggi UV e Ozono per succhietto, tettarella e biberon. Piccolo e leggero si trasporta comodamente in borsa.
Un tocco di stile e di vintage, infine, per lo sterilizzatore Suavinex Link, a pois, composto da pezzi smontabili e impilabili che consentono di risparmiare spazio e facilitano il trasporto. Sterilizza fino a 6 biberon e, con il coperchio chiuso, l’effetto igienizzante dura fino a 5 ore.

Ed ora che te li abbiamo presentati tutti, hai ancora dubbi sull’argomento?

2 thoughts on “Sterilizzatore per il biberon: elettrico o a microonde?

  1. io tra tutti ho scelto quello di Tommee Tippee elettrico, comodissimo, lo tengo in cucina di fianco al bimby, perchè tanto occupa poco spazio e io uso il coperchio sterilizzato come un piano di lavoro, così i biberon li preparo direttamente da lì!! In effetti bastano 5 minuti per sterilizzare.. io ci metto anche i ciucci ogni tanto, oppure le tettarelle da sole. insomma consigliatissimo, come i loro biberon che non ho più mollato da quando li ho scoperti!

  2. Grazie per il tuo commento Irene! La tua opinione è importante per le altre mamme che ci seguono!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>