Qual’e il momento giusto per cominciare a… [ Seconda Parte ]

Ricordo a chi si è persa la prima parte di questo articolo che in questo post trovate le situazioni più favorevoli che rendono più facili i primi traguardi da raggiungere da parte del vostro bimbo; da parte nostra è doveroso segnalare che la fonte di questi importanti suggerimenti è la rivista INSIEME grazie ad un articolo scritto da Olimpia Mai sul numero dello scorso ottobre 2011.

Ripartiamo dalla tappa 12 15 mesi Succhietto. Le mamme, che non tolgono il ciuccio a un’et ragionevole, non sono mamme pigre ma troppo buone… tanto da temere di non sopportare il dolore del prorio bambino.
Togliere questo conforto al vostro bambino costa fatica e lavoro ma vale la pena di farlo, meglio quando non ci sono in ballo altri cambiamenti.

La pratica fissa per l’addio al ciuccio è a 2 – 3 anni mentre invece l’ora giusta sarebbe a un anno / 15 mesi.
In questo momento il bambino, sicuro nei movimenti, è più attratto dagli oggetti oppure nello studio di nuovi capriole, separarsi da ciuccio gli peser meno.
Ricordatevi di non lasciargli il succhietto a vista o a portata di mano ed eliminate la catenella portaciuccio !

20 24 mesi. Uscire senza passeggino. Verso questa et il bambino cammina e corre , sorride agli altri bimbi, vorrebbe accarezzare cani e gatti che incontra per strada mentre lo portate a passeggio; stare seduto sul passeggino per lui diventa sempre più un sacrificio, questo è il momento giusto per il distacco.
Uscire senza passeggino diventer un problema soprattutto per la mamma che perder un fido alleato per appoggiare le borse della spesa e quant’altro.

24 Mesi. Dormire nel letto grande. Appena sveglio si alza in piedi e vuole saltare fuori, anzi, se non siamo pronti a prenderlo ce lo ritroviamo che cerca di scalare la sponda ? Perfetto ! Questo è il momento propizio.
Cominciamo con l’abbassare le spondine; così quando si sveglia può venire a chiamare la mamma e andare in bagno da solo.
Durante questi giorni scoprirete così che può fare da solo, si alza e va a fare pipì appena sente la necessità.
Secondo la rivista INSIEME, il periodo di transizione ci d anche modo d’abituarlo al passaggio al letto grande.

Dopo i due anni. Mettere in ordine i giochi. Spieghiamogli che anche i giochi vanno a riposare, nei cesti e negli scaffali, pur restando a portata di mano. Si può trovare lo spazio giusto, dove il piccolo arriva senza problemi. Per i giochi preferiti l’ideale è una scatola trasparente, da tenere in basso.

I form commenti di questo post e della prima parte dell’articolo ( FONTE: rivista INSIEME – autrice Olimpia Mei ) sono a disposizione per condividere le vostre esperienze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sar pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>