La sensibilità’ tattile del nostro bambino

Tatto maniCome l’olfatto ed il gusto anche il tatto esiste sicuramente già al momento dellla nascita.
Il neonato sente il dolore ma non si può essere sicuri di quale sia il livello di sensibilità’ agli stimoli che magari per un adulto sono senz’altro dolorosi.

Se qualcuno praticasse ad un adulto una iniezione senza che egli lo sappia sentirebbe il medesimo dolore? Oppure una parte almeno della sensibilità è data dalla coscienza di ciò′ che stà accadendo?
Il che vuol dire che non sapere nulla dell’iniezione risulta sicuramente meno sensibile alla stessa iniezione, come sembra invece per il nostro neonato.
Può darsi che il neonato sia sensibile più o meno come noi ma la mancata esperienza lo rende più indifferente, meno teso, meno impaurito.
Nel corso del primo anno di vita sembra che il senso del tatto vada più specializzato mano a mano che il bimbo può toccare e manipolare divesi oggetti con caratteristiche differenti.

Per quanto riguarda la sensibilità’ alla temperatura ambientale l’esperienza di ogni pediatra dimostra che il bambino molto piccolo riesce a difendersi abbastanza bene contro il freddo mentre sopporta male il caldo eccessivo.
Infatti il neonato ed il lattante sono più agitati quando stanno in ambienti molto caldi.
E quasta intolleranza al calore aumenta durante i primi mesi di vita.
A mano a mano che il bimbo cresce pare che soffra di piu’ il caldo che non il freddo, si può quindi affermare che la sensibiltà’ alla temperatura va aumentando, come ogni altro tipo di sensibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>