Malattie dell’apparato digerente nel lattante

Neonato che piangeI disturbi dell’apparato digerente sono molto frequenti nel bambino di ogni eta’, e i diversi sintomi sono di frequente assai simili fra loro, indipendentemente dalla natura della malattia.
Non è raro che che una banalissima indigestione si manifesti con dei segni tali da far pensare a un’appendicite, o viceversa.
E soprattutto nei lattanti è opportuno percio’ non prendere mai alla leggera una forma intestinale e richiedere in ogni caso il parere del medico.

Questi diversi disturbi dell’apparato digerente ed intestino hanno un solo nome “Dispepsia acuta” termine scientifico; piu frequente nel lattante, le cause di questo disturbo possono essere diverse, aver mangiato troppo, aver ingerito cibi inadatti, un’infezione, o anche una reazione ad una malattia non intestinale come l’otite per esempio.
Nelle forme piu’ comuni la dispepsia acuta ha i suoi sintomi, le scariche sono frequenti e numerose, con feci liquide o semiliquide, spesso schiumose con del muco,il vomito non è obbligatorio ma si verifica in molti casi e qualche volta si ripete a brevi intevalli.
L’ammalato è per lo più irrequieto agitato e si lameta continuamente, il bambino ha un aspetto di sofferrenza, il suo volto è pallido, i suoi occhi cerchiati, bocca arida e arrossata.

In questi momenti il bambino rifiuta qualsiasi cibo mente la sete è impressionante.
Il peso del bambino diminuisce con rapidità, nei casi più gravi anche la pelle diventa di colore grigiastro, perde la sua elasticità e si fa arida e grinzosa.
Lo sguardo è fisso nel vuoto, occhi arrossati, anche la fontanella anteriore può avere una reazione sembra affondare nel craio, come se fosse risucchiata.
Il respiro è rapido e superficiale, la voce del bambino è debole e più che piangere si lamenta.
Frequentemente compare una alterazione febbrile più o meno rilevante.
Da considerare che non tutti questi sintomi sono presenti contemporaneamente e in ogni caso.
Prima cosa che i genitori possono fare per il bambino è tenere l’apparato digerente e l’intestino a riposo, non somministrare latte, evitare che il piccolo soffra il caldo, spalmare sulla zona glutea irritata dalle scariche pomate emolienti, infine non dare medicamenti calmanti i quali non solo potrebbero fare male ma comlicare il quadro della malattia rendendo poi difficile per il medico la diagnosi precisa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>