La carne ai bambini, istruzioni per l’uso

La carne fornisce proteine di ottima qualità, preziose per la crescita e contiene utili sali minerali, soprattutto potassio, ferro in forma facilmente disponibile, fosforo e magnesio.

Si rivela poi una buona fonte di vitamine del gruppo B (in particolare B12) e contiene anche sostanze non strettamente nutrizionali, ma importanti per la crescita: la carnitina, per esempio, migliora la produzione di energia, mentre altre sono necessarie per lo sviluppo cellulare. Quanto al contenuto di grassi, varia molto secondo il tipo ed il taglio di carne: si va da valori inferiori al 2% per le carni più magre (come fesa bovina, petto di pollo, vitello) sino a valori intorno al 10% per i tipi più grassi (biancostato, gallina), di meno facile digestione. Agli inizi dello svezzamento, sin dal sesto mese, è opportuno somministrare la carne in forma di liofilizzato o di omogeneizzato, perché le fibre, estremamente frammentate, risultano più facilmente digeribili e non accrescono troppo il volume del pasto.

Quando, con il procedere della dentizione, arriva il momento di introdurre le prime preparazioni casalinghe di carne fresca, è bene lessarla o cuocerla al vapore e macinarla finemente con il tritacarne. Si può iniziare con 20-30 grammi di carne al giorno ed aumentare gradatamente le porzioni, sino a somministrare un etto alla fine del secondo anno, alternando altre fonti di proteine pregiate, prime fra tutte il pesce. È bene alternare anche la proposta di diversi tipi di carne: pollo, vitello, tacchino, agnello, maiale e coniglio sono tra le migliori per i più piccoli, mentre vitellone e manzo, altrettanto nutrienti, impegnano un po’ di più la digestione.

Infine, pur essendo un alimento prezioso, la carne non è indispensabile e non è il caso di drammatizzare se il bambino la rifiuta. È ampiamente dimostrato che una dieta di vegetali, cereali e legumi (sbucciati e passati), integrata da latticini, uova e pesce, garantisce un’assunzione completa ed equilibrata di tutti i nutrienti necessari per una crescita sana.

Quale approccio hanno avuto i vostri bambini con la carne ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sar pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>