Il fenomeno “occhi da bambola”

Occhi neonatoCi sono seri motivi per credere che un bambino appena nato sia capace di vedere.
Probabilmente il neonato è capace di distinguere soltanto la luce dall’ombra, ma solo quando la luce è abbastanza intensa e l’ombra abbastanza profonda.

Le sfumature le luminosit tenui e le penombre non vengono raccolte con chiarezza dai suoi occhi i quali fino a poco fa erano abituati all’oscurit dell’utero.
Il neonato percepisce la luce passivamente e non vi dirige lo sguardo.
Infatti se si fa girare di qua e di la, la testa del neonato, si notera’ che gli occhi rimangono puntati nella medesima direzione come quelli di un cieco; essi si spostano nella direzione opposta a quella verso cui gira la testa.

In altre parole la testa gira e gli occhi no, come succede nelle bambole, il fenomeno è detto “occhi da bambola.”
Al decimo giorno di vita le cose cambiano,dopo poco piu’ di una settimana dal parto il neonato non solo percepisce la luce, ma reagisce alla luce.

Ha un’attrazione verso la luce purchè questa non sia troppo violenta; mostrando veri segni di interesse.
Interrompe per esempio quello in cui era immerso fino a quel momento, succhia cio’ che gli capita assume un’espressione serena, quindi in questi tempi il bambino è in grado di vedere la luce e che in più gli piaccia.

E’ del tutto normale che gli occhi possono sembrare piuttosto strani talora una pupilla è piu’ dilatata dell’altra, o capita di ossevare che i suoi occhi si muovono a scatto, quasi come se seguisse una partita di tennis, di frequente il piccolo fa gli occhi strabici,dipende dal fatto che il neonato non è ancora capace di governare i piccoli muscoli che agiscono sui globi oculari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sar pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>